Il blog dedicato alle risposte

Il “boom” dei prodotti ricondizionati

Il “boom” dei prodotti ricondizionati

Volete acquistare elettrodomestici, giocattoli, abbigliamento a tanto altro ancora risparmiando dal 30 al 50%? Allora un prodotto ricondizionato acquistato da un commerciante affidabile e serio potrebbe offrirvi l’affare che state cercando senza rinunciare alla qualità.



Cosa sono i prodotti ricondizionati?

Per chi non lo sapesse, i prodotti ricondizionati sono prodotti venduti e subito restituiti al venditore con lievi difetti oppure riparati che sono in “buone condizioni”, ma che non rispettano gli standard di qualità (propri del commerciante) necessari per essere rivenduti come nuovi.

Tipici esempi di prodotti ricondizionati sono gli elettrodomestici rimasti a lungo in vetrina o i prodotti acquistati online e poi resi al fornitore perché non soddisfacevano la descrizione pubblicata sul sito.

I prodotti ricondizionati, una volta rientrati in magazzino, vengono controllati, se necessario riparati e poi confezionati per essere rivenduti. Essi non vanno confusi con i prodotti usati: i prodotti ricondizionati non sono mai stati utilizzati per tanti giorni e poi vengono venduti con le stesse garanzie, imballo, ecc. di un prodotto nuovo.

Consigli per gli acqusti

Chi acquista un rigenerato non compra quasi mai un prodotto di ultima generazione. Si tratta di modelli non sempre recentissimi che magari sono presenti sul mercato da 3 o 5 anni.

Per evitare il rischio di acquistare modelli vecchi, quando sei alla ricerca di prodotti ricondizionati ti consiglio sempre di cercarli nei grandi negozi o store online: questi store hanno un rapido turnaround di magazzino e trovare il ricondizionato di un modello uscito sul mercato solo pochi mesi prima è molto spesso possibile.

Le garanzie

Come accentato sopra, anche per i prodotti ricondizionati esiste una garanzia. Secondo quanto scritto sul sito dell’Unione nazionale consumatori, con la garanzia i termini per far valere i diritti sono:  2 anni dalla consegna (nel caso di vendita di beni usati, le parti, possono limitare tale termine a 1 anno);  2 mesi di tempo dalla scoperta per denunciare al venditore il difetto (se quest’ultimo non riconosce e non occulta il difetto).

Chiaramente per essere in grado di far valere garanzia è importante conservare tutti i documenti dell’acquisto (scontrino, fattura, ecc.)

Non male, vero? Non è un caso che i in questi ultimi anni i prodotti ricondizionati stanno vivendo un proprio “boom” in Italia.